“Tangentopoli nera”. L’11 ottobre, nelle librerie i documenti che distruggono uno dei luoghi comuni più solidi della storia unitaria, quello sul fascismo autoritario ma onesto

Dagli stessi autori de “Il golpe inglese”, “Colonia Italia” e “Le carte segrete del Duce”, Mario Josè Cereghino e Giovanni Fasanella, ora un nuovo libro (interamente basato sui documenti dell’archivio privato di Benito Mussolini conservati a Londra) contro...

Leggi tutto

THE ITALIANS. LA SERIE -25 Londra: «SE NON AFFRONTATO IN MANIERA APPROPRIATA, MATTEI POTREBBE DIVENTARE PERICOLOSO. NON SAREBBE MEGLIO FERMARLO ORA PIUTTOSTO CHE IN FUTURO?»

A cura di Mario Josè Cereghino e Giovanni Fasanella Enrico Mattei, fondatore dell’Eni e grande stratega della politica energetica italiana nel secondo dopoguerra, era finito nel mirino del governo e delle compagnie petrolifere britannici. A Londra era considerato un «nemico mortale» degli...

Leggi tutto

THE ITALIANS. LA SERIE -24 Nei documenti inglesi, le “confidenze” di Ettore Lolli (Bnl) su Enrico Mattei, nel 1961: «Un pericolo potenziale, potrebbe commettere qualche sciocchezza»

(Nella foto, Enrico Mattei, a sinistra, stringe la mano al  leader nazionalista egiziano Nasser, nel 1955) A cura di Mario Josè Cereghino e Giovanni Fasanella Ettore Lolli era una delle personalità del mondo politico, economico, diplomatico, militare ed ecclesiastico italiano monitorate...

Leggi tutto

THE ITALIANS. LA SERIE-23 Nel 1975 Londra chiede a Fanfani un «governo forte» ma il leader dc «fa spallucce»

(A cura di Mario Josè Cereghino e Giovanni Fasanella) Amintore Fanfani, uno dei “cavalli di razza” della Dc, era tra le personalità “monitorate” dall’ambasciata britannica a Roma. Dai documenti di Kew Gardens, emerge la complessità del personaggio, tanto amico di...

Leggi tutto
Pagina 10 di 24« Prima...89101112...20...Ultima »

Giovanni Fasanella, giornalista. Ex notista politico dell’Unità, poi quirinalista e cronista parlamentare di Panorama. Ora, per fortuna mia e dei giornali per i quali ho lavorato (e per sfortuna dei lettori), scrivo solo libri e curo questo blog. Mi occupo del “non detto” della storia italiana. Non detto perché imbarazzante e perché imposto dalla ragion di Stato o dai vincoli dei trattati internazionali firmati dal nostro Paese dopo la Seconda guerra mondiale. È un lavoro impopolare, ma qualcuno deve pur farlo. Frequento archivi italiani e, con l’aiuto determinante di un eccellente ricercatore come Mario Josè Cereghino, mi sto appassionando sempre più agli archivi britannici.Detesto i dietrologi: incapaci di inquadrare i fatti nei loro contesti, attribuiscono tutto a disegni demoniaci. Detesto ancora di più gli anticomplottisti: pur di non risalire ai contesti, cancellano anche i fatti. Il mio approccio: i fatti non separati dai contesti. Storico-politici e geopolitici. Seguimi su Twitter @GioFasanella o su BBC History

Twitter