«Vivo per sapere chi e perché protegge l’assassino di mio padre». La storia di Adriano Sabbadin, il figlio di una delle vittime di Cesare Battisti -1

La storia di Adriano Sabbadin, figlio di Lino, ucciso da Cesare Battisti il 16 febbraio 1979, è tratta da “I silenzi degli Innocenti”, il libro che per la prima volta ha dato la parola aille vittime del terrorismo e ai loro familiari. Scritto da Giovanni Fasanella e Antonella Grippo,...

Leggi tutto

“Il Segreto”. La storia di un romanzo-verità sul caso Moro «per anni tenuto nascosto perchè imbarazzante per tutti»

Chiarelettere ha appena pubblicato Il Segreto, un romanzo-verità sul caso Moro. L’autore è un eccellente giornalista, Antonio Ferrari, firma storica del Corriere della Sera. La tesi intorno alla quale ruota il suo racconto è che si trattò di una «grande porcheria internazionale». La sintesi...

Leggi tutto

“QUANDO C’ERA LUI”. TANGENTOPOLI NERA. LA SERIE-17 Lettera al Duce: «Ecco la triade della corruzione nel fascistissimo Polesine»

Documenti trovati negli archivi britannici di Kew Gardens, non utilizzati per il libro “Tangentopoli Nera. Malaffare, corruzione e ricatti all’ombra del fascismo nelle carte segrete di Mussolini”, di Mario Josè Cereghino e Giovanni Fasanella, pubblicato da Sperling&Kupfer. CORRUZIONE,...

Leggi tutto

“QUANDO C’ERA LUI…”. TANGENTOPOLI NERA. LA SERIE-16 Rapporto di polizia sugli appalti dei Lavori Pubblici

(Nella foto, il ministro per i Lavori Pubblici Araldo di Crollalanza in auto con Benito Mussolini) «Il mio interesse per Mussolini è nato perchè ho capito che uno più onesto di lui in Italia non c’è mai stato» (Un fascista di Chioggia, Agorà, RAI3, 13 luglio 2017)   Documenti...

Leggi tutto
Pagina 4 di 24« Prima...23456...1020...Ultima »

Giovanni Fasanella, giornalista. Ex notista politico dell’Unità, poi quirinalista e cronista parlamentare di Panorama. Ora, per fortuna mia e dei giornali per i quali ho lavorato (e per sfortuna dei lettori), scrivo solo libri e curo questo blog. Mi occupo del “non detto” della storia italiana. Non detto perché imbarazzante e perché imposto dalla ragion di Stato o dai vincoli dei trattati internazionali firmati dal nostro Paese dopo la Seconda guerra mondiale. È un lavoro impopolare, ma qualcuno deve pur farlo. Frequento archivi italiani e, con l’aiuto determinante di un eccellente ricercatore come Mario Josè Cereghino, mi sto appassionando sempre più agli archivi britannici.Detesto i dietrologi: incapaci di inquadrare i fatti nei loro contesti, attribuiscono tutto a disegni demoniaci. Detesto ancora di più gli anticomplottisti: pur di non risalire ai contesti, cancellano anche i fatti. Il mio approccio: i fatti non separati dai contesti. Storico-politici e geopolitici. Seguimi su Twitter @GioFasanella o su BBC History

Twitter