Dopo l’apparizione di Toni Negri all’Università di Genova, dove, stando ai resoconti giornalistici,  il “cattivo maestro” deglli Settanta non solo ha rivendicato la giustezza della violenza diffusa che caratterizzò quel periodo ma ha sottolineato la necessità di forme di...

Leggi tutto

PERCHE’ GIORNALI E TV, CHE OSPITANO DI CONTINUO CANI E PORCI, NON PARLANO DI “COLONIA ITALIA”?

Ho avuto, tramite il sito della mia casa editrice Chiarelettere, uno scambio epistolare che vorrei condividere con tutti voi. Un lettore di Colonia Italia (autori, Mario Josè Cereghino e il sottoscritto) mi ha inviato questa mail: «Gentilissimo appena finito leggere suo libro “Colonia...

Leggi tutto

“Quando gli eredi di Don Camillo misero in prigione Guareschi”. Il caso delle false lettere di De Gasperi e il ruolo degli inglesi

Segnalo ai lettori questo articolo molto interessante di Luciano Lanna sullo scandalo De Gasperi-Guareschi, pubblicato da Il Dubbio lo scorso sabato 27 agosto:   (lo scrittore Giovannino Guarseschi, “padre” di Don Camillo e Peppone) Quando nel 1967 Luciano Secchi, più noto col nom...

Leggi tutto

Claudio Gentile, il grande calciatore “italiano di Libia”: «Porca miseria, “Colonia Italia” mi ha folgorato!»

«Porca misera! Questo libro, “Colonia Italia”, è illuminante. Mi ha aperto un mondo. C’erano delle cose che non capivo, ora ho la risposta: subito dopo la guerra eravamo finiti sotto gli inglesi e i francesi, poi ci siamo ripresi, li abbiamo superati e hanno cercato di rimetterci sotto. Ma...

Leggi tutto
Pagina 1 di 3123

Giovanni Fasanella, giornalista. Ex notista politico dell’Unità, poi quirinalista e cronista parlamentare di Panorama. Ora, per fortuna mia e dei giornali per i quali ho lavorato (e per sfortuna dei lettori), scrivo solo libri e curo questo blog. Mi occupo del “non detto” della storia italiana. Non detto perché imbarazzante e perché imposto dalla ragion di Stato o dai vincoli dei trattati internazionali firmati dal nostro Paese dopo la Seconda guerra mondiale. È un lavoro impopolare, ma qualcuno deve pur farlo. Frequento archivi italiani e, con l’aiuto determinante di un eccellente ricercatore come Mario Josè Cereghino, mi sto appassionando sempre più agli archivi britannici.Detesto i dietrologi: incapaci di inquadrare i fatti nei loro contesti, attribuiscono tutto a disegni demoniaci. Detesto ancora di più gli anticomplottisti: pur di non risalire ai contesti, cancellano anche i fatti. Il mio approccio: i fatti non separati dai contesti. Storico-politici e geopolitici. Seguimi su Twitter @GioFasanella o su BBC History

Twitter