Il trio D’Alema-Veltroni-Occhetto. Ed Enrico Berlinguer, l’unico dirigente post-comunista ancora in vita

«Il Paese è in mano a un serial killer». Pare che Achille Occhetto, conversando con i giornalisti nel Transatlantico di Montecitorio, abbia detto proprio così del suo ex compagno di partito Massimo D’Alema. Battuta molto divertente. Al vetriolo. E anche rivelatrice, se ce ne fosse ancora...

Leggi tutto

Signor Battisti, torni: da noi correrebbe meno rischi.

Signor Cesare Battisti, so che lei un tempo mi leggeva, o si faceva riferire dai suoi amici francesi e italiani quello che scrivevo. Adesso che sta soggiornando in una prigione brasiliana, spero che i pochi “protettori” che le restano le girino questo mio appello: torni! Già a suo tempo,...

Leggi tutto

Ma quale silenzio come pena supplementare! Parlate, parlate. E dite tutta la verità!

Oh, Francia, dolce e accogliente Francia! Forse il libro dell’ex brigatista rossa Barbara Balzerani è un’opera d’arte. Non saprei dire. Ma a giudicare dall’accoglienza che sta ricevendo dalla stampa e dal pubblico di Francia, dove è stato appena tradotto ed ora viene promosso con la...

Leggi tutto

Le Monde attacca l’Italia sui migranti. Ma è la Francia che deve spiegazioni all’opinione pubblica internazionale

La decenza impone un limite a tutto. Anche all’insolenza di Le Monde. Capisco che al quotidiano francese possa dare fastidio la ripresa dell’attivismo italiano nel Mediterraneo e che il nostro Paese abbia riconquistato un suo ruolo in Libia, dopo le ridicole e anacronistiche incursioni...

Leggi tutto
Pagina 1 di 2812345...1020...Ultima »

Giovanni Fasanella, giornalista. Ex notista politico dell’Unità, poi quirinalista e cronista parlamentare di Panorama. Ora, per fortuna mia e dei giornali per i quali ho lavorato (e per sfortuna dei lettori), scrivo solo libri e curo questo blog. Mi occupo del “non detto” della storia italiana. Non detto perché imbarazzante e perché imposto dalla ragion di Stato o dai vincoli dei trattati internazionali firmati dal nostro Paese dopo la Seconda guerra mondiale. È un lavoro impopolare, ma qualcuno deve pur farlo. Frequento archivi italiani e, con l’aiuto determinante di un eccellente ricercatore come Mario Josè Cereghino, mi sto appassionando sempre più agli archivi britannici.Detesto i dietrologi: incapaci di inquadrare i fatti nei loro contesti, attribuiscono tutto a disegni demoniaci. Detesto ancora di più gli anticomplottisti: pur di non risalire ai contesti, cancellano anche i fatti. Il mio approccio: i fatti non separati dai contesti. Storico-politici e geopolitici. Seguimi su Twitter @GioFasanella o su BBC History

Twitter