Carla Bruni e i morti ammazzati da Battisti e compagni: «Mi sembra un dolore abbastanza comprensibile». Sì, abbastanza. Mi sembra.

Intervistata da Paolo Giordano per www.ilgiornale.it, Carla Bruni, moglie dell’ex presidente francese Nicolas Sarkozy, parla di molte cose. Del suo nuovo disco. Dei suoi rapporti con l’attuale marito. Dei suoi ex amori Eric Clapton e Mick Jagger. E spende due parole anche su Cesare Battisti,...

Leggi tutto

Il trio D’Alema-Veltroni-Occhetto. Ed Enrico Berlinguer, l’unico dirigente post-comunista ancora in vita

«Il Paese è in mano a un serial killer». Pare che Achille Occhetto, conversando con i giornalisti nel Transatlantico di Montecitorio, abbia detto proprio così del suo ex compagno di partito Massimo D’Alema. Battuta molto divertente. Al vetriolo. E anche rivelatrice, se ce ne fosse ancora...

Leggi tutto

Signor Battisti, torni: da noi correrebbe meno rischi.

Signor Cesare Battisti, so che lei un tempo mi leggeva, o si faceva riferire dai suoi amici francesi e italiani quello che scrivevo. Adesso che sta soggiornando in una prigione brasiliana, spero che i pochi “protettori” che le restano le girino questo mio appello: torni! Già a suo tempo,...

Leggi tutto

Ma quale silenzio come pena supplementare! Parlate, parlate. E dite tutta la verità!

Oh, Francia, dolce e accogliente Francia! Forse il libro dell’ex brigatista rossa Barbara Balzerani è un’opera d’arte. Non saprei dire. Ma a giudicare dall’accoglienza che sta ricevendo dalla stampa e dal pubblico di Francia, dove è stato appena tradotto ed ora viene promosso con la...

Leggi tutto
Pagina 1 di 2812345...1020...Ultima »

Giovanni Fasanella, giornalista. Ex notista politico dell’Unità, poi quirinalista e cronista parlamentare di Panorama. Ora, per fortuna mia e dei giornali per i quali ho lavorato (e per sfortuna dei lettori), scrivo solo libri e curo questo blog. Mi occupo del “non detto” della storia italiana. Non detto perché imbarazzante e perché imposto dalla ragion di Stato o dai vincoli dei trattati internazionali firmati dal nostro Paese dopo la Seconda guerra mondiale. È un lavoro impopolare, ma qualcuno deve pur farlo. Frequento archivi italiani e, con l’aiuto determinante di un eccellente ricercatore come Mario Josè Cereghino, mi sto appassionando sempre più agli archivi britannici.Detesto i dietrologi: incapaci di inquadrare i fatti nei loro contesti, attribuiscono tutto a disegni demoniaci. Detesto ancora di più gli anticomplottisti: pur di non risalire ai contesti, cancellano anche i fatti. Il mio approccio: i fatti non separati dai contesti. Storico-politici e geopolitici. Seguimi su Twitter @GioFasanella o su BBC History

Twitter