“Autocertificazioni di qualità” e vuoti di memoria.

A Mogliano Veneto, in provincia di Treviso, un ristoratore ha affisso questo cartello all’ingresso della sua pizzeria, «Ai Veneziani»: «Personale 100% ITALIANO» «Non è razzismo, è un’autocertificazione di qualità», ha spiegato. Molti, nel paese, gli danno ragione: «Prima gli...

Leggi tutto

Aldo Grasso su Carta Bianca (RaiTre) dedicata al Caso Regeni: «La verità inizia da Cambridge!»

Non ho visto la puntata di Carta Bianca (Rai Tre) dedicata qualche sera fa al “caso Regeni”, e quindi non ho elementi per giudicare. Ma vi invito a leggere qui quello che scrive sul Corriere della Sera un critico televisivo di grande valore, serietà ed equilibrio come Aldo Grasso. Non si può...

Leggi tutto

Falcone e Borsellino, una gran bella pagina di storia della Rai. Ma adesso? Attenti alle “verità di Stato”

Con la lunga maratona dedicata a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, la Rai ieri ha scritto una gran bella pagina di storia del servizio pubblico. Quando non scimmiotta le reti private e si allontana dal bla bla bla e dal pollaio dei talk show, la televisione del canone riesce ad esprimere tutto...

Leggi tutto

Caso Calabresi, la polemica Scalfari-Feltri-Sallusti e le troppe amnesie di destra e sinistra sugli “anni di piombo”

Il 45esimo anniversario della morte di Luigi Calabresi, ucciso da un commando del servizio d’ordine di Lotta Continua il 17 maggio 1972, poteva essere finalmente un’occasione per aprire una discussione pubblica libera da pregiudizi ideologici, risentimenti personali o istinti di vendetta sul...

Leggi tutto
Pagina 5 di 30« Prima...34567...102030...Ultima »

Giovanni Fasanella, giornalista. Ex notista politico dell’Unità, poi quirinalista e cronista parlamentare di Panorama. Ora, per fortuna mia e dei giornali per i quali ho lavorato (e per sfortuna dei lettori), scrivo solo libri e curo questo blog. Mi occupo del “non detto” della storia italiana. Non detto perché imbarazzante e perché imposto dalla ragion di Stato o dai vincoli dei trattati internazionali firmati dal nostro Paese dopo la Seconda guerra mondiale. È un lavoro impopolare, ma qualcuno deve pur farlo. Frequento archivi italiani e, con l’aiuto determinante di un eccellente ricercatore come Mario Josè Cereghino, mi sto appassionando sempre più agli archivi britannici.Detesto i dietrologi: incapaci di inquadrare i fatti nei loro contesti, attribuiscono tutto a disegni demoniaci. Detesto ancora di più gli anticomplottisti: pur di non risalire ai contesti, cancellano anche i fatti. Il mio approccio: i fatti non separati dai contesti. Storico-politici e geopolitici. Seguimi su Twitter @GioFasanella o su BBC History

Twitter