“Quando gli eredi di Don Camillo misero in prigione Guareschi”. Il caso delle false lettere di De Gasperi e il ruolo degli inglesi

Segnalo ai lettori questo articolo molto interessante di Luciano Lanna sullo scandalo De Gasperi-Guareschi, pubblicato da Il Dubbio lo scorso sabato 27 agosto:

 

(lo scrittore Giovannino Guarseschi, "padre" di Don Camillo e Peppone)

(lo scrittore Giovannino Guarseschi, “padre” di Don Camillo e Peppone)

Quando nel 1967 Luciano Secchi, più noto col nom de plume di Max Bunker e come creatore di Alan Ford, fonda la rivista Eureka ha l’idea di arruolare nello staff Giovannino Guareschi, uno scrittore e un vignettista che nei decenni precedenti aveva fatto epoca. Era stato una delle firme e delle matite del Bertoldo, aveva fondato e diretto Candido, i suoi romanzi su Don Camillo e Peppone erano stati tradotti in quasi tutte le lingue. Guareschi, prima di morire, nel 1968, pubblica infatti in esclusiva su Eureka – la rivista che lanciò in Italia Andy Capp e le Sturmtruppen – il suo bel racconto “Gerda”. Tanto che Secchi, successivamente, ebbe modo di esprimere tutta la sua riconoscenza: “Guareschi non era di sinistra. Ma la sua colpa agli occhi di tanti intellettuali di elezione, e questa è una colpa anche maggiore e

imperdonabile agli occhi dell’élite della jet-society della letteratura è quella di aver venduto parecchie migliaia e migliaia di copie dei suoi Don Camillo, tradotti praticamente in tutte le lingue politicamente occidentali ma anche in quelle che non rientrano in tale definizione. Uno scrittore lo si valuta per quello che ha dato e conveniamo – concludeva Secchi – che parte della critica si è invece lasciata deviare dalla sua obiettività proprio per una questione politica…”. Una cosa è certa: Guareschi è stato uno degli scrittori italiani del ’900 più venduti nel mondo: oltre 20 milioni di copie, nonché lo scrittore italiano più tradotto in assoluto in tutte le parti del globo. Certo, quando Giovannino morì d’infarto a soli 60 anni, in una mattina di luglio del ’68, l’indomani L’Unità titolò: “È morto lo scrittore che non era mai sorto”. Si trattava , senza tema di dubbio, dell’uomo che con le sue vignette anticomuniste sul Candido era stato determinante – sul piano propagandistico – per il risultato del ’48. Eppure, paradossalmente, Guareschi dovette scontare tredici mesi di carcere per un eccesso di polemica antidemocristiana: “Giovannino – ha rievocato Carlo della Corte – si lasciò

(Don Camillo e Peppone, per il cinema interpetati da Fernandel e Gino Cervi)

(Don Camillo e Peppone, per il cinema interpetati da Fernandel e Gino Cervi)

impegolare, nel trasporto polemico verso la Dc, persino nella persona di Alcide De Gasperi, in una vicenda di lettere apocrife, che egli pubblicò, attribuendo a De Gasperi varie colpe: tra cui quella di avere invocato sull’Italia i bombardamenti alleati per disfarsi di Mussolini”. Insomma, in questo caso i comunisti non c’entrano proprio nulla. Fu infatti per via dei democristiani che Guareschi è stato l’unico giornalista nella storia dell’Italia repubblicana a finire in galera per avere attaccato il potere politico. Mai, infatti, si è arrivati da parte di un direttore di giornale agli oltre 400 giorni di carcere che l’autore di Don Camillo dovette scontare all’apice del successo. Giovannino entra nel carcere San Francesco di Parma il 26 maggio ’54 per uscirne solo il 4 luglio dell’anno successivo, dopo ben 409 trascorsi sotto la più stretta sorveglianza.

Cosa era successo? Sul Candido il 24 e il 31 gennaio ’54 Guareschi aveva fatto pubblicare due lettere risalenti a dieci anni prima, in piena Seconda guerra mondiale, e che risultavano firmate da De Gasperi, il quale ai tempi aveva trovato rifugio in Vaticano. Si trattava di due missive dirette al generale britannico Harold Alexander, comandante delle forze alleate in Italia, chiedendo il bombardamento di alcuni punti nevralgici di Roma, “per infrangere l’ultima resistenza morale del popolo romano” nei confronti di fascisti e tedeschi. Il 15 aprile il processo arrivò alla sentenza, davvero a tempo di record e con un’intensa attività diplomatica parallela di cui solo recentemente abbiamo appreso. Al termine, Guareschi, a cui non fu concesso di mettere agli atti la perizia prodotta da quella che all’epoca era un’autorità della grafologia, Umberto Focaccia, venne dichiarato colpevole di diffamazione. Il giornalista rifiutò di fare ricorso o di chiedere la grazia: “No, niente appello. Qui non si tratta di riformare una sentenza, ma un costume. Accetto la condanna come accetterei un pugno in faccia: non mi interessa dimostrare che mi è stato dato ingiustamente”. Molti dei risvolti di quella vicenda restano ancora misteriosi, a partire dall’origine delle lettere che appartenevano a uno strano faldone nascosto in Svizzera da un ex tenente della Rsi, Enrico De Toma, legato ad ambienti dei servizi segreti, così come recentemente è stato raccontato dallo storico Mimmo Franzinelli in Bombardate Roma! Indagine su un giallo della Prima Repubblica (Mondadori). Indro Montanelli, grande amico di Guareschi, era scettico su quelle lettere: “Io sapevo – ha raccontato – che non erano vere, e mi buttai in ginocchio da lui, e a un certo punto commisi anche una Candidoscorrettezza per cercare di impedirne la pubblicazione di cui prevedevo gli effetti nefasti. Andai da Rizzoli, che era il suo editore, ma anche l’editore dei miei libri, e glielo spiegai”. Ma Rizzoli non si frappose: “Il direttore del giornale è lui, se lui lo ha deciso, pubblichi”. E al riferimento delle conseguenze, aggiunse: “Pagheremo le conseguenze!”. D’altra parte, Montanelli confermava la totale buona fede di Guareschi: “Lui era convinto dell’autenticità di quelle lettere. Ci voleva credere perché lui non poteva perdonare alla Dc l’ingratitudine. Guareschi era infatti un uomo assolutamente disinteressato, ma almeno un ringraziamento lo avrebbe meritato per la campagna del ’48, gli spettava perché la vittoria si doveva in gran parte a lui…”. Franzinelli ha spiegato alcuni retroscena di tutta quell’operazione: “Per De Gasperi la questione era fondamentale, di fronte ad un attacco del genere non aveva altra via che la querela. Appunti e riflessioni coeve al processo dimostrano che sul tema ci fu una sua intima sofferenza”. E Franzinelli non ha dubbi sull’esistenza di manovratori occulti che misero la “polpetta avvelenata” nelle mani di Guareschi: “I servizi non erano un corpo omogeneo, c’erano cordate concorrenziali. Una di queste usò Guareschi per colpire De Gasperi”. I due documenti, che il leader democristiano dichiarò falsi, facevano infatti parte di un voluminoso corpus di carteggi che comprendeva il famoso epistolario tra il Duce e Churchill. Fatto sta che gli inizi del febbraio ’54 De Gasperi sporge querela.

Istituito il processo, il 13 e il 14 aprile ebbero luogo la seconda e la terza udienza e il 15 giunse la condanna a 12 mesi di carcere per diffamazione. Invano, nelle quattro udienze del processo, il direttore di Candido presenta una perizia calligrafica che dichiara autentiche le lettere, e chiede al tribunale di ordinarne pure un’altra d’ufficio. I giudici rispondono che non c’è n’è bisogno. “Mi hanno negato – protesterà lo scrittore – ogni prova che potesse servire a dimostrare che non avevo agito con premeditazione, con dolo. Non è per la condanna, ma per il modo con cui sono stato condannato”. Perché in tribunale, la perizia calligrafica avanzata dalla difesa sulle due lettere non venne mai ammessa. Le lettere saranno dichiarate ufficialmente false solo nel 1959, al termine di un altro processo contro alcuni ex ufficiali della Rsi. Il 15 aprile ’54 comunque Guareschi viene condannato a dodici mesi di carcere ma si trova costretto a doverne scontare venti per l’aggiunta di un’altra diffamazione che ci riporta indietro di altri quattro anni. Sul numero 25 di Candido del ’50 era infatti apparsa una vignetta che ritraeva il presidente della Repubblica Luigi Einaudi mentre sfila tra due ali di corazzieri molto particolari: sono bottiglie di vino che recano un’etichetta con scritto “Nebiolo – Poderi del

Senatore Luigi Einaudi”. Si procedette per vilipendio del Presidente della Repubblica contro Carletto Manzoni, autore della vignetta, e Guareschi, direttore responsabile della testata. I due erano stati assolti in primo grado ma poi condannati in appello a otto mesi con la condizionale, che veniva annullata dalla nuova sentenza. Cominciano, certo, le pressioni perché Guareschi vada in appello, dove la faccenda si potrebbe forse accomodare. Lui però è un uomo che non scende a compromessi e risponde sul Candido: “No, niente appello”. Il 26 maggio 1954 prepara lo zaino, lo stesso che aveva nel lager tedesco in cui era stato deportato ed entra nel carcere di Parma. Ne uscirà il 4 luglio ’55 con una carta precettiva che gli impone di non allontanarsi per altri sei mesi dai comuni di Busseto, San Secondo, Soragna, Polesine Parmense, Zibello e Roccabianca. Guareschi vittima in buona fede di una manovra ordita da altri? Molti ne sono convinti. Anche se Guareschi restò persuaso fino alla fine che le lettere erano autentiche. Di certo pagò un prezzo altissimo. “Il Guareschi, uscito dalla galera – ammetterà Montanelli – non era più lui. Il suo fisico era già minato dal lungo campo di concentramento subito in Germania. In prigione era popolarissimo, gli offrivano qualche alleggerimento di pena. Ma lui no, non ne volle nessuno, volle essere trattato come il peggiore dei delinquenti rinchiusi lì dentro. Andò così, lui non fu più lo stesso dopo…”. Tutti lo abbandonarono, solo su La Notte di Nino Nutrizio e sul Borghese di Leo Longanesi riuscì a scrivere qualche articolo.

D’altra parte, come apprendiamo dai documenti desecretati e studiati da Mario José Cereghino e Giovanni Fasanella in Colonia Italia (chiarelettere, 2015), De Gasperi dovetterivolgersi direttamente a Churchill per ottenere la certificazione dell’inautenticità di quelle lettere in un momento assai critico della sua parabola politica. Il 16 febbraio 1954, infatti, un suo emissario, il funzionario della Farnesina Paolo Canali, raggiunge subito la capitale britannica. Ma gli inglesi temporeggiano e fanno perdere tempo: “La loro tattica – si legge in Colonia Italia – è chiara: non potendo sbattere la porta in faccia al leader del maggior partito italiano, cercano di tenerlo sulla corda il più a lungo possibile. Forse sperano che si logori, nell’attesa che a Roma maturino le condizioni per una sua definitiva uscita di scena”. A Londra Canali aspetta e aspetta. Solo a fine febbraio potrà rientrare a Roma con la documentazione che consentirà all’ex premier italiano De Gasperi di affrontare serenamente il processo contro Guareschi. Prima, però, Churchill ha convocato Canali al numero 10 di Downing Street, all’improvviso, a quattrocchi, lontano da occhi indiscreti: “Ma cosa? Alla data, gli archivi di Kew Gardens non conservano traccia alcuna sui contenuti di quel misterioso colloquio tra l’ottantenne Sir Winston e il giovane diplomatico della Farnesina. Sappiamo invece che qualche giorno dopo, il 3 marzo ’54, da piazza del Gesù, De Gasperi invia una calorosa lettera di ringraziamento a Churchill”. L’affaire si avvia comunque a conclusione solo dopo questi incontri: il 15 aprile, come abbiamo visto, a Milano, Guareschi viene condannato e l’onore del leader democristiano è salvo. “Ma la sua definitiva uscita di scena – è la conclusione del capitolo sul “processo Guareschi” di Colonia Italia – è ormai imminente. Prima dalla politica: sconfitto in giugno al Congresso della Dc, a Napoli, deve lasciare ad Amintore Fanfani la segreteria del partito. Poi dalla vita: in agosto muore per un attacco d’asma, malattia insorta qualche tempo prima. De Gasperi se ne va il 19 agosto, lo stesso giorno in cui, un anno prima, era stato deposto Mossadeq a Teheran”.

Luciano Lanna

 

images

Nel libro Colonia Italia, il caso De Gasperi-Guareschi viene ricostruito alla luce delle scoperte fatte dai due autori, Mario Josè Cereghino e Giovanni Fasanella, negli archivi di Stato britannici di Kew Gardens. Grazie ai nuovi documenti, quell’episodio viene inquadrato e letto (insieme all’altro grande scandalo dei primi anni Cinquanta, il caso Piccioni-Montesi) nel contesto della guerra di propaganda combattuta dai servizi segreti di Sua Maestà contro il presidente del consiglio italiano dell’epoca Alcide De Gasperi e il suo pupillo Attilio Piccioni. I due esponenti democristiani erano “colpevoli” non solo di aver consentito a Enrico Mattei di fondare l’Eni, ma addirittura di averlo aiutato a violare l’embargo deciso da Londra contro la Persia di Mossadeq, che aveva nazionalizzato il petrolio iraniano espropriando le compagnie britanniche. Un’”offesa” agli interessi inglesi in una delle loro aree più sensibili che Winston Churchill non poteva lasciare senza un’adeguata risposta. Mentre in Iran i servizi britannici e la Cia organizzavano un golpe contro il leader laico e nazionalista Mossadeq, in Italia la stampa anglofila montò una vera e propria macchina del fango contro De Gasperi e Piccioni. Il primo fu costretto a uscire di scena a causa delle false lettere pubblicate dal settimanale Candido. Il secondo, a causa dell’inchiesta sulla morte di Wilma Montesi, in cui fu coinvolto ingiustamente il figlio Piero.

Negli anni successivi, come ci raccontano i documenti pubblicati nel libro, Londra manovrò anche contro tutti gli altri esponenti delle classi dirigenti italiane che entrarono in rotta di collisione con gli interessi economici e petroliferi del Regno Unito: Enrico Mattei e Aldo Moro, per esempio. Così, tanto per citare un paio di nomi.

Fasaleaks

Giovanni Fasanella, giornalista. Ex notista politico dell’Unità, poi quirinalista e cronista parlamentare di Panorama. Ora, per fortuna mia e dei giornali per i quali ho lavorato (e per sfortuna dei lettori), scrivo solo libri e curo questo blog. Mi occupo del “non detto” della storia italiana. Non detto perché imbarazzante e perché imposto dalla ragion di Stato o dai vincoli dei trattati internazionali firmati dal nostro Paese dopo la Seconda guerra mondiale. È un lavoro impopolare, ma qualcuno deve pur farlo. Frequento archivi italiani e, con l’aiuto determinante di un eccellente ricercatore come Mario Josè Cereghino, mi sto appassionando sempre più agli archivi britannici.Detesto i dietrologi: incapaci di inquadrare i fatti nei loro contesti, attribuiscono tutto a disegni demoniaci. Detesto ancora di più gli anticomplottisti: pur di non risalire ai contesti, cancellano anche i fatti. Il mio approccio: i fatti non separati dai contesti. Storico-politici e geopolitici. Seguimi su Twitter @GioFasanella o su BBC History

Twitter